Utilizziamo i cookie per analizzare, pubblicizzare e migliorare il nostro sito web. Per ulteriori informazioni consultare la nostra Dichiarazione di Protezione dei Dati.
Home
>
Shop
>
Abbigliamento e Caschi
>
Giacche in tessuto
>
Sweater di Wrecking Crew

Sweater di Wrecking Crew

Ai tempi in cui le Knucklehead, Flathead e Panhead erano moto di nuova concezione, uno sweater era un must per l’outfit di ogni biker. I nostri sweater Wrecking Crew sono realizzati a mano dalla A alla Z nella casa Dehen, impiegando 100% maglia di lana pettinata e lampo al collo Talon di alta qualità. I polsini e la fascia in vita caratteristicamente larghi proteggono dal vento e dal freddo e impediscono che la giacca scivioli in su.

  • maglieria di lana, nero, quarter zip
  • U.S.A.

Vi consigliamo il solo lavaggio a secco

La lana è una vera opera d’arte della natura, e gli indumenti di lana hanno tanti vantaggi rispetto alle fibre sintetiche onnipresenti.

La lana è molto resistente e

  • solo difficilmente lo sporco vi si attacca
  • cattura pochissimo gli odori
  • non fa pieghe
  • respira: il tessuto riceve il vapore acqueo ma la superficie delle fibre respinge l’acqua
  • ha proprietà termoregolatrici.

Affinché il bel lavorato in maglia mantenga a lungo queste caratteristiche e renda felice chi lo indossa, bisognerebbe tener conto di alcuni piccoli accorgimenti:

  • se la lana si dovesse essere bagnata, va fatta asciugare lentamente, mai al sole o addirittura sul termosifone
  • non strofinare o strizzare la lana bagnata
  • la cosa migliore è il lavaggio a secco!

Vedi anche

Rockmount Paisley Shirts

Rockmount Paisley Shirts

Non c’è dubbio: indossare una camicia Paisley è un po’ come una Harley kickstart-only: bisogna volerla. E anche saperla portare.
A quel punto però è chiaro per tutti che qui c’è uno che sa quel che fa. E quel che ha: taglio disinvolto, cuciture doppie, i bottoni automatici tipici “Diamon Snap”, tasche dentellate, 100% cotone, lavabile in lavatrice. E dato che sopra c’è scritto Rockmount vuol dire anche: “Made in USA”.
Perché nonostante “Papa” Jack Weil nel 1946 con le sue camicie Rockmount ha avuto in mente anzitutto il cowboy e il contadino suoi vicini, queste erano talmente nuove di concezione e disinvolte che prestissimo il nome Rockmount e la sua qualità si diffusero oltre le frontiere dell’”West”. Ovvio che nemmeno i cantanti country, le leggende del rock e le icone di Hollywood ci dovettero pensare tanto prima di prendersi un capo dalla sterminata Rockmount Ranch Wear Collection.
E dato che ancora oggi le camicie Rockmount sono “Made in USA”, per la famiglia di Papa Jack è facile far uscire velocemente dei nuovi modelli e nuovi stili. Ora noi ne abbiamo una selezione nella nostra gamma di prodotti. Si riconoscono per i bottoni automatici tipici “Diamond Snap” e le tasche dentellate. E, naturalmente, per la qualità Rockmount “Made in USA” solida come roccia.
E un’altra cosa ancora: Paisley. Un classico fra i disegni su tessuto, fatto di foglie come virgole che posssono contenere ornamenti fra i più scatenati e colorati. La strada percorsa da questo motivo fino ad arrivare nella moda occidentale è tortuosa quanto una corsa lungo la costa californiana del Pacifico: originario della Persia, arriva per le vie commerciali di vari mogul in India e da lì dei soldati coloniali britannici lo portano nella loro isola natia, dove approda finalmente in una roccaforte scozzese della produzione tessile, vicino a Glasgow, in una città di nome: Paisley.
leggi …