Utilizziamo i cookie per analizzare, pubblicizzare e migliorare il nostro sito web. Per ulteriori informazioni consultare la nostra Dichiarazione di Protezione dei Dati.
>
Custombike-Show, Bad Salzuflen, D

Custombike-Show, Bad Salzuflen, D

Come se fosse stato necessario avere una motivazione in più per rombare, nel 2. fine settimana dell'Avvento, verso i ronzanti padiglioni, festeggianti il customizing, della meravigliosa Bad Salzuflen – ecco che entrano in lizza in modo ufficialissimo due nostri amici e clienti di lunga data, all'European Bike Build Off, uno contro l'altro armati. Perciò ci fiondiamo:

Già il percorso verso il palco dimostra che la fiera difende strenuamente la sua fama di esposizione al top del customizing internazionale. Su tutto lo spettro, beninteso. Vale a dire che si trovano anche parecchie cose che sono questioni di gusto. Non c'è però bisogno di incaponirsi se non piace – basta andare oltre. E se poi si guarda un po' meglio, in realtà si scoprono comunque dei dettagli che potrebbero dare ispirazione anche per le proprie personali macchinazioni.

Stimoli, soprattutto per fantasticherie sul passato,

son venuti anche dallo show speciale Halbstark ('tepistelli'), visti i fantastici macinini da 50cc che nei più scatenati anni giovanili ci fiondavano lungo gli sterrati di campagna, o ci facevano morire di desiderio esposti in vetrina.

Ovvio che al Custombike Show pure nomi importanti presentano gli ultimi modelli, per far vedere di cosa è capace il loro mobilio motorizzato: BMW, Indian, Triumph, Kawasaki, Yamaha, Harley, presenti ognuno addirittura con più d'un rivenditore. Grande parata, molto spazio, parecchia ressa.

Un gran divertimento poi è il Bike Build Off,

dal quale non riusciamo più a staccarci del tutto: SSCycles di Zell (allargata a Fred Flitzefuß Karosseriebau) si dividono il palco con McSands Motor Shop di Balterswil in Svizzera.

Pur se ufficialmente dovrebbe essere un showdown fra i due team, in realtà diventa una custom-costruttor-chiacchierata-amichevol-perfezionistica-chopper-rule--intervallata-da-birra-bevute.

Da una parte la numerosa crew/famiglia intorno a Steve Schneiderbanger, che con le magliette “Choppers FOURever” in prima fa sorgere qualche dubbio... ma solo fino a quando il motore non finisce dentro il telaio: un quattro cilindri Honda CB 750. Un classicone; un affare che nel corso delle ore a venire viene chopperato alla grande. Dall'altra parte Sandra e Markus “Mac” Fröhlich, che in due dipanano il loro piano un po' diverso di un chopper un po' diverso. Il loro motore è un esemplare Harley mooolto speciale*: un motore da corsa “two cam” (degli anni 1920), con 1340cc e cilindri a testata fissa fatti appositamente in Australia, per avere il tipico stile XR con due carburatori... e questo è solo il riassunto molto semplificato :-) E perché l'aspetto non sia da meno, si è messa all'opera per gli svizzeri la dea dell'incisione Katharina Eiche.

Chiaro che due chopper del genere fanno

nascere curiosità e domande. Salire sul palco è sia permesso che ben visto, per cui si crea un'allegra calca di numerosi ospiti, i team di MC Sands e SSC si aiutano a vicenda e così, molto prima della votazione, risulta chiaro: qui ci sono solo vincitori. Si erge però l'ultimo ostacolo: i bolidi devono accendersi. Poche scalciate dopo sparacchiano tutti e due – per cui ora decide il pubblico. Il vincitore 1 diventa allora Mc Sands e subito dietro arriva il vincitore 2 SSC. E tutto si mischia nel giubilo generale. Chopper strepitosi, show strepitoso, team strepitosi.

A presto allora!

*E per gli amici dei dettagli ecco alcuni fatti sul motore McSands

• Basato sul motore da competizione Harley cosiddetto “two cam” (FH 2-cam engine, 1000cc), costruito a partire dal 1924 (montato in serie come JDH 1928-29, 1000 & 1200cc)

• il motore ha 1340cc

• 2 alberi a camme con punterie a rulli

• motore alternato “F-Head” (“IOE” inlet over exhaust. Valvole aspirazione “che pendono” sopra quello di scarico “in piedi”: valvole aspirazione comandate tramite aste punterie e bilancieri; le valvole di scarico direttamente dalla punteria (Sidevalve)

• cilindri a testa fissa appositamente per il montaggio con 2 carburatori in stile XR; realizzati da “JD Jugs” / Stuart Ritchie, Australia: https://www.jdjugs.com/

• basamento motore, albero motore, alberi a camme, blocchetti punterie & punterie, oltre che i pignoni distribuzione sono di “FH-Raceengines” (Stuart Ritchie, Australia: Instagram “fhraceengines"

• generatore Bosch D accensione a magneto